Il #Pd è penoso


Un partito che è miseramente sceso al 18% (altro che il 40% come sperava #Renzi) non dovrebbe più rompere i coglioni come sta facendo anche ora #Martina a uscita #consultazioni con #Conte, e collaborare con umiltà. Quando il #Pd lo capirà sarà sempre troppo tardi. #maratonamentana
Siete penosi.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Il libro FILAMENTI E CAMPI anche su laFeltrinelli


[…] Altra cosa che lo rende umano ai miei occhi: la
mattina, quando tardo un po’ ad alzarmi, lui
aspetta buono per un po’, ma la sua biologia dopo
un po’ inizia a ribellarsi a questo ritardo della co-
lazione e – come potrebbe fare un bimbo di cin-
que/sei anni o un amico ospite che non sa dove
mettere le mani per prepararsi la sua colazione –
viene al bordo del letto, dalla mia parte, si tira su
sulle zampette posteriori e, con la zampetta destra,
assolutamente senza unghie, mi dà degli schiaffetti
vellutati sul viso per farmi aprire gli occhi, per sve-
gliarmi, per farmi capire che è ora della sua pappa.
… E quando di notte, verso l’alba, ho gli incubi
e urlo senza poter muovere le labbra e mi agito,
con le braccia senza muscoli, per difendermi e per
colpire l’incubo, appena apro gli occhi lo trovo al
mio fianco sul letto, sulle zampe posteriori, preoc-
cupato e proteso con le sue zampette nell’intento
di difendermi… Il mio micio, il mio fratellino.

Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Fabrizio De André, principe libero.

Il film dedicato al poeta di Genova: Fabrizio De André, principe libero, visto da uno che gli ha dedicato concerti in onore e memoria nella loro città, Genova, e capitoli del libro del quale è autore: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA. Da Genova a Vittoria, da Vecchioni a De André, dal monte Ararat a Capo Nord, tra incubi e realtà.

Ieri sera ho visto la prima parte del film, non me lo sarei perso per niente al mondo. Non mi ha deluso, per niente, anzi mi ha commosso. Nonostante la quasi completa assenza della cadenza genovese nella voce dell’attore protagonista Luca Marinelli. Il film è sincero, rivela Fabrizio per quello che è stato, con tutte le sue qualità e tutti i suoi lati umani, molto umani, a cominciare dalla sua continua voglia di mussa.
Interessante, nonché risaputo, il racconto di come hanno preso vita alcune delle sue più belle canzoni, alcune con la complicità dell’amico Paolo Villaggio. Interessante, nonché risaputo, l’incontro con Luigi Tenco, del quale da ragazzo cantava i pezzi raccontando che fossero canzoni sue per far colpo sulle donne. Simpatica e risaputa la giustificazione che ne diede a Tenco: “Vanno bene per prendere della mussa“. La tristezza sentendo la notizia dell’improvvisa, tragica e inaspettata morte di Tenco. I primi guadagni da cantauotore provenienti dalla Siae per la canzone Marinella, scelta da Mina che la cantò e la fece conoscere al grande pubblico.
Questa sera, la seconda parte, dovrebbe essere più incentrata sul rapimento subito da lui e Dori Ghezzi in Sardegna, e la consolidazione della sua fama di grande cantautore, per qualcuno inarrivabile.
Fabrizio De André, una persona umana… molto umana.

Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Siamo solo piccole parti infinitesimali di un mondo fisico senza dimensioni…

Recensione sul libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano rizza

Ho voluto usare come titolo della mia recensione proprio alcuni scritti dell’autore, perché credo siano le parole più adatte per racchiudere anche se in minima parte ciò che ho potuto cogliere in questo libro stupendo che aggiungo è ben fatto, certo non di facile lettura ma di grande significato e spessore. L’amore, Dio, l’intelligenza umana, il rapporto con gli animali e la natura, questi alcuni temi che l’autore con grande abilità, sensibilità e senso critico affronta collegandoli all’intelligenza umana come “filamenti dei campi”. Tutto ciò è creato dalla mente umana, la stessa mente che si ritiene intelligente, la stessa mente che uccide e mangia animali o li sacrifica per il suo Dio. Questo ripeto è un libro da leggere assolutamente , faccio i complimenti all’autore e consiglio a tutti la lettura.

F. P.

 

 

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

E’ in stampa il nuovo libro di Gaetano Rizza

Dopo il libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA (Da Genova a Vittoria (RG), da Vecchioni a De André, dal monte Ararat a Capo Nord, tra incubi e realtà) è in arrivo, in fase di stampa, il nuovo libro di Gaetano Rizza. Preparatevi spiritualmente alla lettura ;) Il libro è ora disponibile alla IBS

 

 

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

M5s aumenta consensi, nonostante capetti e gerarchi del web

Buon segno! Il Movimento Cinque Stelle continua a guadagnare consensi tra l’elettorato nonostante gli errori (scosse di assestamento inevitabili in un movimento relativamente nuovo).
Bene così, essendo il M5s l’unica formazione a cui poter ancora dare fiducia, visti i risultati ottenuti finora dagli altri partiti della partitocrazia associata. Questo risultato soddisfacente non si deve certo ai vari sedicenti capetti e gerarchi del web che bollano come nemico chiunque si permetta di criticare alcune scelte effettuate da alcuni rappresentanti del Movimento, vedi Raggi e Grillo. La prima per le scelte dei suoi collaboratori fatte alla caxxo (e vabbè, questione di esperienza), il secondo per fare e disfare a suo piacimento, invalidando addirittura la scelta del candidato sindaco di Genova avvenuta in rete. Con tutte le spiegazioni anche esaurienti, per carità, ma che prestano il fianco, naturalmente e legittimamente ai detrattori del Movimento. Ma per i capetti e i gerarchi del web, con tutti i loro trenini magici (dai quali mi sono sempre sganciato), è tutto giusto. Ma un po’ di critica… no???
Non fate diventare il M5s una setta con a capo un santone, perché non è così, non dovrebbe essere così. Perché mi sono reso conto che i cittadini che votano M5s sono soprattutto persone ragionevoli, stanche, come me, di essere prese in giro da gente che pensa solo alle proprie tasche; e la vostra irragionevolezza, la vostra fede a prescindere, acritica, potrebbe anche far pensare loro che, in fondo, non siete così diversi dai piddini. Mai sia!

 

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

M5S, cittadini delusi da partitocrazia si rimboccano le maniche, ma…

M5S, cittadini delusi da partitocrazia si rimboccano le maniche, ma…

Il Movimento Cinque Stelle è la più grande novità politica degli ultimi decenni. Decenni in cui si era consolidata la partitocrazia di convenienza, che è ancora dura a morire nonostante la situazione tragica in cui ha ridotto gli italiani. Partitocrazia che fa solo i suoi interessi, esclusivamente per la propria sopravvivenza, ma soprattutto per la sopravvivenza dei privilegi che gliene derivano. Fare il politico oggi non vuol dire farlo per il bene del Paese, NO! Il Paese può andare a farsi fottere! Il Paese può sprofondare nella miseria più assoluta, l’importante che ci sia beneficio per la classe politica e per la Casta. I cittadini sono solo un ingombro per i loro traffici spesso illeciti. I cittadini sono solo carne da macello come la fanteria in un esercito. I cittadini sono percentuali di uno zero virgola. Dei cittadini non si rispetta nemmeno più la volontà, né nelle elezioni, né nei referendum. La storia degli ultimi decenni lo dimostra, e se non bastasse, la storia dell’ultimo referendum costituzionale – indetto dal reuccio del carretto dei gelati Renzi, indetto per la sua sicumera e la sua faciloneria che gli ha fatto promettere che se perdeva se ne sarebbe andato a fare dell’altro perché lui, diceva, non sta in politica tanto per starci – lo dimostra. Con lui lo avevano promesso anche altri del governo e del partito. Ebbene il referendum lo hanno perso, lui ha fatto finta di andarsene rimanendo in cabina di regia e scalpita per tornare a comandare. La ministra Boschi, autrice insieme a lui, della riforma bocciata dalla grande maggioranza degli italiani, l’aveva promesso anche lei. Anche lei ha fatto finta di andarsene – con una finta mal riuscita – facendosi dare però nel governo, sempre lo stesso governo, un posto di maggior importanza. Sempre lo stesso governo che si rifà con ostentato orgoglio al lavoro già svolto dal governo con a capo Renzi. Lui stesso è voluto rimanere a capo della segreteria del partito che ancora governa, nonostante il NO ricevuto dagli italiani. Un NO grande come una casa che non era un no solo alla riforma costituzionale, ma era un NO a Renzi e ai suoi ministri castaioli, un No al governo del Partito Democratico condotto da Renzi, perché non fa neanche più finta di essere il partito dei lavoratori, come gli era riuscito tanto tempo fa. Il Pd con Renzi è diventato il partito dei Marchionne che ti tolgono la pausa caffè umiliandoti con una mancia sullo stipendio. Una mancia che dovrebbe riparare della tua dignità persa. E con le mance ha proseguito, quel governo, ai suoi elettori, dimenticandosi perfino che un pensionato è un cittadino anch’esso anche se non ha più la forza per lavorare, dopo aver lavorato per quarant’anni, e quindi niente mancia elettorale. Tanto c’è pieno di cassonetti nelle città, nei quali andare a frugare per trovare qualcosa da mangiare o da rivendere.
Il governo, il presidente della repubblica Mattarella, hanno fatto finta di non capire che quel NO grosso come una casa era per lui, per loro. Hanno fatto finta di niente e sono rimasti lì, aggiungendo anche qualcuno che per diventare ministro di questa brutta repubblica, si è costruito delle Bio false. Aggiungendo anche altri arraffoni, trafficanti. Tanto a loro quello che pensa il popolo non fa né caldo, né freddo. Basta avere la faccia per presentarsi, anche in mezzo ai fischi, ma pur sempre qualche applauso lo beccano, da parte di qualche cretino che pensa che far politica voglia dire comportarsi così: “Hai visto la Boschi? Che forza! E’ riuscita a fregare tutti! Non se n’è andata, nonostante la promessa fatta… Che donna! Che politica di classe!”.

Quindi, come fai a dare ancora credito a questi pagliacci? Come fai a non volere individuare una strada diversa? Ed ecco allora il M5S. Fatto di persone che si rimboccano le maniche… Sì! Tutto quello che si vuole… inesperienza? Impreparazione? E’ anche vero, ma abbiamo lasciato andare parecchie cose più gravi agli altri politici. Si sono mangiati i soldi nostri e ci rimproverano, a noi, di avere speso troppo in passato e che per questo, adesso, noi cittadini, abbiamo un debito pubblico impressionante. Quindi ancora a studiare la maniera per toglierci altri soldi. Sempre quei pochi delle nostre tasche, mai quelli che si sono fregati loro.
Se questa è la loro esperienza, per carità, lasciamo fare agli incompetenti ma volenterosi. La stessa mia nonna (bonanima) analfabeta, avrebbe fatto meglio, come una madre di famiglia, come una matriarca, che i trafficoni mangiapane a tradimento dei politici della partitocrazia.

Ma attenti, ragazzi! Non sentiatevi autorizzati a fare le squadre di Cittadini di serie A, né in giro, né sul Web. Non perdete la vostra capacità di critica oggettiva. Perdonare tutto al Movimento non è utile. Se c’è uno sbaglio, anche in buona fede, riconoscetelo. Sono errori umani! Non errori voluti e calcolati come quelli a cui siamo stati abituati finora. Almeno si spera.
Senza capacità di critica si è faziosi, come gli altri, non solo buoni cittadini volenterosi. E passare dalle squadre alle squadracce e a qualche sedicente gerarca ci vuole veramente poco, e non è augurabile.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Caso Virginia Raggi, l’affaire s’ingrossa

Caso Virginia Raggi, l’affaire s’ingrossa

Molti avevano sperato che con il Movimento Cinque Stelle alle amministrazioni delle città ci sarebbe stata la massima trasparenza, e così doveva essere. Ma evidentemente non lo è stato.
Riconosciuto che la Raggi è sottoposta a un fuoco di fila incessante da tutti i fronti dal primo giorno in cui è stata eletta sindaco della capitale, riconosciuto questo, non si può negare che le vicende che in qualche modo la riguardano diventano sempre più complicate. Un po’ anche per colpa sua che ha voluto fare, per dimostrare la sua indipendenza dal M5S, scelte a dir poco ingenue. Ma l’ingenuità nella politica, ammesso che ci sia stata, non è ammessa, soprattutto in un movimento che è nato per far fuori la vecchia politica pappona. Se ti fai far fesso da chi vuoi eliminare vuol dire che non sei in grado di stare lì.
Ma speriamo ancora che il tutto sia un grande equivoco. Anche se, sia la Raggi che gli altri personaggi, non fanno niente – o comunque molto poco – per avvalorare questa tesi. I soliti “non so”, “non ricordo”, “non ne sapevo nulla” (a proposito della polizza assicurativa della quale risulterebbe beneficiaria e stipulata da quel Romeo che qualche mese dopo è stato promosso a mansioni diverse con stipendio triplicato), non fanno certo bene, né a loro né ai Cinque Stelle.
Voglio credere ancora che la Raggi sia vittima di un complotto (il famoso gomblotto) a sua insaputa, ma troppi ne abbiamo visti di questi complotti ad insaputa dell’interessato beneficiario… Ora basta!.

Molti vogliono continuare a sperare in un movimento fatto dai cittadini, per i cittadini.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Grazie di tutto, Renzi, Monti, Fornero, Letta, Berlusconi…

Grazie di tutto, Renzi, Monti, Fornero, Letta, Berlusconi…

manifesto

Da qualche anno non compro più sigarette e non faccio più viaggi in moto, non me lo posso più permettere. Roba che nemmeno nei periodi più neri della mia vita. D’altronde erano abitudini pericolose, quindi grazie Matteo Renzi, Monti, Letta e tutti i governi non votati dal popolo, ma voluti dalle caste, per il nostro bene.
Vi chiedo anche perdono perché coi miei vizi umani ho aumentato il debito pubblico, anche se ho pescato solo e sempre dai miei modesti stipendi.
Mentre voi, Renzi, Monti, Fornero, Letta, Berlusconi, e tutti i vostri soci vi sacrificavate per me, e piangevate anche, per me…
Come potrò mai sdebitarmi con voi?

Il Cronista Mannaro

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Intervista su De André, Vecchioni, Chansonniers, grandi viaggi in moto in solitaria – Gaetano Rizza

Intervista su De André, Vecchioni, Chansonniers, grandi viaggi in moto in solitaria
Gaetano Rizza

Video intervista a tutto campo a Gaetano Rizza sul libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA, realizzata da Antonino Di Silvestro per Radio Selfie. Si parla di musica, viaggi in moto in solitaria al monte Ararat e a Capo Nord (Nordkapp) – www.libri-narrativa.it

GUARDA IL VIDEO DELL’INTERVISTA

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Il caso Mein Kampf. Chi specula?

Il caso Mein Kampf. Chi specula?

meinkampf

L’ignoranza e la disonestà intellettuale di certi politicanti è ampiamente dimostrata dalla speculazione che stanno facendo @matteorenzi e @lauraboldrini sul caso del Giornale su “MeinKampf”. I cittadini siamo in grado di capire chi specula e chi no!

Questo a prescindere dal fatto che non voto più nè gli uni, nè gli altri da anni ormai.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Renzi non sa di essere scaduto

renzi-scaduto2Renzi non sa di essere scaduto

Le medicine, e i veleni, non sanno leggere la loro data di scadenza. Per questo sta a noi disfarci della boccetta con la medicina scaduta, perché lei invece starebbe sempre lì, nell’armadietto del pronto soccorso. Stessa cosa vale per molti politici. In particolare, in questo momento, per Matteo Renzi, Maria Elena Boschi etc, che, non solo non hanno ottenuto i risultati che vogliono far credere di aver ottenuto (smentiti quotidianamente dai vari istituti competenti preposti), ma che invece, questo sì, navigano, meglio, galleggiano tra i vari scandali che li hanno colpiti sia personalmente che politicamente, vedi i vari casi: Banca Etruria con tutti i componenti della famiglia Boschi, Guidi, sindaci, Verdini, etc…. Navigano anche nelle varie defenestrazioni di chi vorrebbe (o fa finta di volere) un Partito Democratico dal volto umano o perlomeno con una maschera umana, vedi Bersani.
Il governo Renzi è scaduto, così semplicemente, come una medicina o, meglio, un veleno.
Disfiamocene.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

PERCHÉ STAMATTINA NON ANDRÒ AD ASCOLTARE RENZI A HARVARD

PERCHÉ STAMATTINA NON ANDRÒ AD ASCOLTARE RENZI A HARVARD

 renzi-harwardIeri, un professore di Harvard ha distrutto Matteo Renzi con un post!Il Renzi è in America per un tour che dovrebbe essere istituzionale ma che purtroppo è la solita televendita “promozionale”.Unica differenza da quella fatta nei salotti nostrani è la lingua: in questo caso sarà in “renzese”, una lingua tutta sua.Ieri mattina infatti era in visita alla prestigiosa università di Harvard per un “Keynote”, cioè un discorso ufficiale.Il rettore dell’università non l’ha fatto parlare alla Kennedy School of Government di Harvard, luogo naturale per i premier internazionali, bensì nel museo accanto, evitando così una tortura gratuita alle giovani orecchie degli studenti americani, non ancora avvezze alla pronuncia Renzese.Il professore Francesco Palmer, docente italiano ad Harvard, si è rifiutato di partecipare alla conferenza spiegando i motivi in questo post. Vi invito a leggerlo interamente:PERCHÉ STAMATTINA NON ANDRÒ AD ASCOLTARE RENZI A HARVARD”Io, professore italiano di Harvard, non ho proprio voglia di partecipare al “reality show” del nostro premier.Più che un rottamatore Renzi è in effetti un disneyficatore: che banalizza tutto ciò che tocca riducendolo a evento mediatico, dunque equivalente a qualsiasi altro che attiri l’attenzione dei giornali e dei network televisivi, senza gerarchie, distinzioni, senza valori di riferimento. Questa mattina Matteo Renzi parlerà a Harvard. Penso che abbia voluto venirci, oltre che per promuovere sé stesso, per promuovere in Italia la sua riforma dell’università. Il premier italiano lo disse chiaramente, alcuni mesi fa: bisogna imitare il modello americano. E ora è venuto per far vedere ai suoi connazionali ed elettori che lui quel modello lo conosce. Harvard è la più prestigiosa università del mondo e questo gli basta: non si domanda con quali criteri e scopi siano stilate le classifiche di eccellenza o quali siano le condizioni e implicazioni di una simile preminenza (per esempio che Harvard sia una corporation con un capitale di più di 36 miliardi di dollari che ammette lo 0,04% degli studenti che ogni anno vanno al college) o tanto meno quale sia il livello delle altre 4139 università americane: no, lui tornerà tutto contento in patria e proclamerà che l’università italiana, la più antica del mondo, deve diventare come quella americana, convinto che se lo diventasse non sarebbe una scopiazzatura fuori contesto e fuori tempo (l’America sta cominciando a guardare all’Europa per rimediare ai disastrosi scompensi del suo sistema educativo) ma una sua grande innovazione. Un po’ come se gli riuscisse di aprire uno Starbucks in Piazza della Signoria a Firenze; o ancor meglio in Piazza della Repubblica a Rignano sull’Arno.Ma non è per questo che stamattina non andrò a sentirlo. E neppure per via del mio radicale dissenso con il suo progetto di reaganizzare l’Italia (e per di più in ritardo, quando gli altri paesi stanno cercando rimedi): non andrò a sentirlo perché è venuto a Harvard con lo stesso spirito con cui sarebbe andato a inaugurare un centro commerciale o ad aprire il nuovo anno alla Borsa di Milano. Tutte cose che un primo ministro deve fare: ma accorgendosi che sono differenti e rispettando le loro differenze. Per Renzi invece sono la stessa cosa: occasioni di visibilità, interamente prive di contenuti.Significativamente, non parlerà alla Kennedy School of Government, dove avrebbe avuto senso per il ruolo istituzionale che ricopre. E neppure a economia, in riconoscimento delle sue riforme liberiste. Parlerà in un museo, all’Harvard Museum. Scelto, immagino, per confermare l’immagine che dell’Italia hanno gli americani: il paese della cultura e della bellezza. Forse chi lo ha invitato ricordava la sua foto insieme a Angela Merkel sotto il David, al meeting di un anno fa alla Galleria dell’Accademia: senza accorgersi (o peggio: senza curarsi) di quanto non autentica fosse quella cornice: ambienti carichi di storia abusati per promuovere politiche globaliste, volte a distruggere proprio quell’identità culturale.Più che un rottamatore Renzi è in effetti un disneyficatore: che banalizza tutto ciò che tocca riducendolo a evento mediatico, dunque equivalente a qualsiasi altro che attiri l’attenzione dei giornali e dei network televisivi, senza gerarchie, distinzioni, senza valori di riferimento. La sua dimensione è quella della pubblicità e dei reality, in cui si fa finta di essere veri ma facendo in modo di non essere davvero creduti, in cui ci si maschera ma mantenendo una distanza ironica che impedisca equivoci, guardandosi bene dal correre il rischio che possa diventare un’esperienza autentica e dunque cambiare qualcosa. In ciò Renzi è integralmente liberista, impegnato nella sistematica deregulation dei princìpi e specificamente dell’autenticità: contro la quale impiega collaudate tecniche come la cazzata, che toglie di significato (scrisse il filosofo Harry Frankfurt in un celebre saggio) all’opposizione verità-menzogna e realtà-virtualità.Non so di cosa parlerà a Harvard. Gli annunci del suo intervento non aiutano: “A keynote address”, “un discorso ufficiale”, senza ulteriori specificazioni, a confermare che non è venuto perché avesse qualcosa da dire. C’è venuto per far sapere che c’è stato. Presumo che abbia messo qualcosa insieme all’ultimo momento, cercando su Google qualche aneddoto su Harvard; come fece poco più di un mese fa in un’altra università, quella di Buenos Aires, dove al termine di un discorso confuso e infarcito di perle da Baci Perugina (“Non c’è parola più grande dell’amicizia per descrivere la storia di popoli diversi”: qualcuno mi spieghi cosa significa) citò in spagnolo dei versi di Borges. Solo che non era una poesia di Borges, subito notò El País, bensì un falso che compare su internet quando si inserisca la coppia di parole borges-amicizia.Qualcuno ricorderà il concetto rinascimentale di sprezzatura, teorizzato nel Cortegiano, uno dei libri italiani che più influenzarono la civiltà europea. Castiglione pretendeva dalla classe dominante, in cambio dei suoi privilegi, capacità e stile senza ostentazione: bisognava sapere tutto e saper fare tutto però come se fosse una cosa naturale. Ma quella era una società fortemente regolamentata. Nell’età della deregulation i vincenti alla Renzi seguono un precetto opposto: ostentazione senza capacità né stile. Per questo stamattina non andrò a Harvard ad ascoltarlo. Perché a differenza di Berlusconi e di tanti altri politici, Renzi non si limita a ignorare la cultura o magari disprezzarla. La cultura può sopravvivere all’ignoranza e al disprezzo.No, Renzi la svuota. Con la sua programmatica trivialità svilisce la ragione e il linguaggio, riduce la comunicazione, ossia la facoltà più propriamente umana e sociale, a rumore. La chiarezza e il rigore costringono a una certa misura di coerenza; le improprietà deresponsabilizzano, rendono tutto indifferente, il vero e il falso, il giusto e l’ingiusto, le qualità e i difetti, i profittatori e le loro vittime. E quando il vuoto diventa uno stile e un programma, la fine della democrazia è pericolosamente prossima.

Pubblicato da Sorial Girgis Giorgio su Sabato 2 aprile 2016

Ieri, un professore di Harvard ha distrutto Matteo Renzi con un post!

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Virginia Raggi, il riscatto dei cittadini.

raggiPer le prossime elezioni del sindaco di Roma – dopo aver visto ricoprire quella carica importantissima ai vari Rutelli (che da presidente di un partito defunto dichiarava di non sapere niente dei 20 milioni trovati nella cassa e sperperati dal tesoriere (solo lui?) ex lupetto; dopo il simpatico Veltroni che da comunista convinto compra appartamenti a New York per permettere alla figliola, poverina, di poter studiare cinematografia in quella città, vista la passione del cinema che li accomuna; dopo Alemanno e la sua parentopoli; dopo Marino cacciato via dallo stesso Pd, col contributo del papa in persona, per la sua mania di farsi selfie in giro per il mondo coinvolgendo la Sua Santità…; dopo tutta questa bella gente del Pd o Margherita che dir si voglia – forse abbiamo finalmente la possibilità di avere a capo dell’amministrazione una persona che potrebbe rappresentare, davvero, il riscatto del cittadino comune.
Non parlo certo né di Bertolaso (parrebbe anche lui con qualche piccolo scheletrino nell’armadio) appoggiato da Berlusconi, né della Meloni che “Per mettere d’accordo la coalizione”, testuali parole, va a rompere le scatole candidandosi lei dopo aver accettato la candidatura di Bertolaso. Quindi non parlo certo del centro destra che anche lui ha molto da farsi perdonare nella gestione bancarottiera del Paese a spese dei poveri cittadini.
Parlo dunque del Movimento Cinque Stelle, della sua candidata Virginia Raggi, non proveniente da nessun corridoio di segreterie politiche stantie, corrotte, opportuniste (solo un Andrea Romano ultimamente e utilitaristicamente piddino renziano convinto può spargere fiele sul fatto che, la nostra, prima di diventare avvocato aveva dovuto fare praticantato presso lo studio di Previti. Ma Andrea Romano è un caso psicologico – non voglio dire psichiatrico – da studiare).
Virginia Raggi, avvocato, donna, cittadina, senza potentati economici, né politici alle spalle, da perfetta sconosciuta agli italiani, è candidata per la carica di sindaco. Sembra davvero in gamba, un po’ alla Di Maio, anche lui venuto dal niente, come solo nel Movimento Cinque Stelle può accadere. Questa è la classe politica che vogliamo avere. Solo questa.
Poi si sa, non tutte le ciambelle riescono col buco, ma meglio avere comunque una speranza, che sapere già direttamente che non ci sia nessuna speranza, viste le esperienze degli esperti di partiti e di magnamagna.
Virginia Raggi, hai la responsabilità di rompere il giocattolo dei politici italiani, la macchinetta mangia soldi. E se la macchinetta mangia soldi si romperà a Roma, potremo romperla in tutta l’Italia.
Ti auguro di vincere, per te e per tutti noi.

(Upgrade 19/03/2016, ore 10:30)

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

La chitarra

Gaetano Rizza in concerto con la mitica chitarra Esteve di Fabrizio De André

Gaetano Rizza in concerto con la mitica chitarra Esteve di Fabrizio De André

La chitarra

Io da quando sono nato ho sempre avuto almeno una chitarra in casa, oltre ad altri strumenti, come la fisarmonica, un violino, forse anche un mandolino. Ciò è dovuto al fatto che mio padre era un appassionato di musica, e si è sempre ingegnato a suonare questi strumenti, e lo faceva bene. Sicché fin da ragazzino, già intorno ai dieci anni, mi ero trovato, così, naturalmente, a suonare la classica “Giochi proibiti“, ma senza darci alcun peso in quanto mi pareva più che naturale suonarla vedendolo fare così tanto spesso a mio padre. Diciamo che era un dono di natura ereditato da mio padre. E neppure i miei genitori davano alcun peso alla cosa perché, ripeto, pareva una cosa più che naturale avendo un musicista in casa come mio padre.
Così pur essendo portato per la chitarra non la studiai mai. Con l’età imparai a suonare anche gli accordi di questo strumento meraviglioso, con qualche difficoltà per i diesis e i bemolle, le settime e le diminuite. Mi gasavo quando riuscivo ad accennare qualche pezzo di moda a quei tempi, tipo “Samba pa ti” del mitico Santana o “Maria Elena” dei Los Indios Tabajaras e altre cose di questo genere. Con gli anni non coltivai più questa pur leggera passione per la chitarra, pur non potendo fare a meno di averne sempre una in casa. Quando qualcuno me la metteva in mano però non potevo esimermi dall’esibirmi in qualche giro di do e qualcos’altro del genere, anche se i pezzi che avevo più o meno imparato da ragazzo, man mano, venivano meno al mio pur già breve repertorio. Anche di “Giochi proibiti” ormai facevo solo la prima parte, la seconda l’avevo fatta anche in passato con qualche difficoltà.
Mi tornò la voglia di suonare la chitarra dopo una trentina d’anni, in occasione della morte di Fabrizio De André, del quale ero stato, e sono, un grandissimo ammiratore. Fu così che volli organizzare un concerto-tributo per il cantautore. Quella volta non ebbi il coraggio di suonare la chitarra, non mi sentivo ancora pronto, mi affidai a delle basi messe a punto da me. Ma per il secondo concerto tributo che organizzai ed altri che feci in Liguria e a Milano portai con me la chitarra. Anzi, portai con me una chitarra nuova e di valore, appena comprata, elettrificata, molto simile alla mitica Esteve del grande cantautore (che pure ebbi a disposizione in un concerto): una Admira Juanita E, con la quale studiai ogni notte, per tre mesi, tutti gli accordi delle canzoni che avrei portato in concerto. Canzoni di De André e degli chansonniers ai quali si era ispirato agli inizi della sua carriera artistica.
Adesso, dopo tanti anni da quei concerti, tutte quelle canzoni con gli accordi scritti sopra, riga per riga, sono lì, raccolte in un voluminoso fascicolo; e quando mi capita di aprirlo penso che sì, forse è vero che non sono un chitarrista, perché non ho avuto la costanza di diventarlo; certo non sono mai stato e non sarò mai un Eric Clapton, ma è anche vero che quando mi sono impegnato, come si impegnano i musicisti per diventare tali, a furia di esercizi su esercizi e di calli sui polpastrelli qualcosa sono riuscito a combinare.
Ora, mi accontento, di nuovo, di rimparare i soliti miei vecchi pezzi di tantissimi anni fa… Il tempo non mi manca…

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

I dieci comandamenti del self publisher

copertina-10-comandamenti-pubblicitaI dieci comandamenti del self publisher

(Opuscolo/Manuale – Alcuni brevi e semplici consigli per editing e impaginazione “fai da te”. Con link a romanzo stesso Autore. dal quale ha preso spunto per consigli.)

Naturalmente quello che leggerete va bene solo per chi ha una certa padronanza della lingua italiana e soprattutto non ha problemi con la grammatica. Se siete tra quelli che scrivono: “Te lo detto” anziché “Te l’ho detto” mettete subito da parte qualsiasi velleità nel campo della scrittura, anche se foste diplomati o laureati. Mai visto scrivere così male come certi laureati o diplomati per ambizione. Questi, tra l’altro, sono quelli che scrivono in abbondanza parole desuete e obsolete per cercare d’incantare fingendosi davvero dei letterati. Quindi, datemi retta, innanzi tutto non cercate di strafare scrivendo in modo ricercato se già sapete da voi che non ve lo potete permettere, perché se non siete davvero dei letterati illuminati, la vostra scrittura apparirà soltanto ridicola, e la conseguenza fatale sarà che non vi cagherà nessuno.
Il consiglio è: scrivete in maniera semplice, discorsiva, penetrante. Se avete delle cose profonde da dire il lettore le capirà e potrà apprezzare il vostro scritto. Fate in modo che il lettore provi delle sensazioni a lui note, ma che per la prima volta legge scritte da qualcuno che gliele rappresenta.

Fatta questa premessa passiamo alla fase dell’editing e dell’impaginazione del vostro scritto… (Acquista ebook Kindle)

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Sei ancora in tempo per farti un regalo

CopertinaYoucanprint
Ormai ci siamo, le feste sono alle porte e tra qualche giorno sarà tutto passato, e ci ritroveremo nel nuovo anno.
Probabilmente avrai già pensato ai regalini per tutti, ma forse non hai avuto tempo per riflettere su un tuo regalino: un regalino a te stesso; non ricevuto da qualcun altro, ma acquistato da te stesso, per te…
Riflettici, chi mai può accontentare i tuoi gusti meglio che te stesso?
Per questo Libri Narrativa ti propone di regalare a te stesso il libro Nato Negli Anni Cinquanta: Da Genova a Vittoria, Da Vecchioni a De Andre’, Dal Monte Ararat a Capo Nord, Tra Incubi E Realta’, il romanzo che potrebbe fare per te. Amazon farà il possibile per fartelo arrivare al più presto.
Pensaci, è un suggerimento; al di là della confusione delle strade, dei negozi, delle luci natalizie.
Un momento per te.

Sei ancora in tempo per farti un regalo

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Denuncio Renzi per corruzione elettorale

bokassa-renziDenuncio Renzi per corruzione elettorale

Le mance elettorali di 500€ di Matteo Renzi ai giovani elettori diciottenni sono corruzione, pura corruzione. Come pure i 500€ agli insegnanti e gli 80€ mensili elargiti ai dipendenti. Io ti compro e tu mi voti. Come faceva il pur vituperato Lauro che donava la scarpa destra agli elettori promettendo anche la scarpa sinistra, ma solo se avessero votato per lui. Si tratta sempre dell’antico e proverbiale piatto di lenticchie. Renzi è un essere senza vergogna, pur di stare ai vertici del sistema farebbe, e fa, qualsiasi cosa.
Caro Renzi, ci sarà pure chi apprezzerà queste tue spacconate da bullo di quartiere, ma la gente seria non si fa comprare col piatto di lenticchie a discapito di chi ne ha veramente bisogno, come quelli che avete esodato, i pensionati al minimo, le madri di famiglia che verranno penalizzate se decideranno di andare prima in pensione dopo aver lavorato una vita.
Più passa il tempo, più cose fai per coltivare il tuo orticello, più la gente si stufa di avere a capo del governo un misero personaggio come te.
Giovani che avrete il bonus elettorale, date uno schiaffo, non solo morale, a quel Bokassa de noantri. Mettete insieme, tutti, i 500€ di mancia elettorale, e con quei soldi cercate di rattoppare le vostre scuole, o aiutate i dimenticati da Dio e dai governi. Date una lezione di morale ai buffoni che ci governano e in particolare al buffone di turno.
E per lui intervenga anche la magistratura, a sanzionarlo penalmente, come la stessa ha fatto per Berlusconi per la faccenda De Gregorio. Corruzione è l’una, così come lo è l’altra.
E se occorresse una denuncia per farvi smuovere il culo, eccola! Questa è la mia denuncia.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Io sto con i parigini, ma non con Charlie

parigi.paceIo sto con i parigini, ma non con Charlie

C’è chi vuole paragonare gli atti terroristici dell’Isis agli attacchi aerei degli occidentali. Ma gli occidentali non colpiscono la gente comune o se lo fanno lo fanno per sbaglio (a loro insaputa…). L’Isis invece colpisce la gente comune apposta. Comunque c’è da discuterne all’infinito. Perché ci sono forti interessi degli occidentali in quelle terre, e ci sono occidentali che vorrebbero bestemmiare impunemente il Dio degli altri popoli. Come non posso capire chi ammazza la gente inerme in atti terroristici e non posso capire i tagliatori di teste, non posso capire, allo stesso modo, chi bestemmia il Dio degli altri popoli. Io sto con i parigini, ma non con Charlie.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Tre storie in un romanzo

Tre storie in un romanzo

La storia di una vita, la storia di un incubo, la storia di alcuni viaggi irripetibili.
Tre trame per un solo romanzo, tre linee di scrittura, una sola vita.

La storia di un uomo normale, dove normalità significa peripezie, sconfitte umane, vittorie.

Il romanzo di Gaetano Rizza, NATO NEGLI ANNI CINQUANTA, è tutto questo.

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Marquez, la vergogna dello sport motociclistico

rossi-marquezMarquez, la vergogna dello sport motociclistico

E’ stato detto di tutto sul Gran Premio motociclistico 2015. Ma voglio dire anche la mia, d’altra parte già ampiamente espressa nei social nei giorni passati.
Marquez in questo gran premio è stato la vergogna dello sport motociclistico. Sì è comportato come in genere ci si comporta nel ciclismo, nel quale, in questo sì, si fa il gioco di squadra (cosa che non ha neppure fatto, del resto), con i gregari che portano il predestinato alla volata finale, ma c’è sempre un’etica. Ma il motociclismo è un’altra cosa. Il motociclismo è tecnica, coraggio, cuore.
Il cuore che ha portato Valentino Rossi ad essere un grande campione. Un campione ammirato in tutto il mondo per la sua tecnica e per il suo coraggio, ammirato perfino da un ragazzino che ne aveva fatto il suo mito, lo stesso Marquez. Ma, lo stesso soggetto, è stato anche quello che – considerata l’immortalità sportiva del suo ex mito Valentino – ha voluto pugnalarlo di persona con comportamenti che di morale non hanno proprio nulla.
A cominciare da un certo punto del campionato per essere evidentissimo poi, nella gara della settimana scorsa quando ha voluto infastidire Rossi come e peggio di un moscone, o forse meglio parlare di zecca, visto che si parla di parassiti, standogli attaccato fino a quasi appoggiargli il casco addosso in quella famosa curva nella quale Valentino ha dovuto scostarlo lievemente.
Comportamento diametralmente opposto a quello tenuto ieri a Valencia nel quale è stato attaccato, sì, a Lorenzo, sempre in prima posizione, ma mai ha cercato di disturbarlo, di punzecchiarlo, di superarlo, pur essendo evidentemente il sorpasso alla sua portata. Lo ha ammesso perfino Lorenzo stesso a caldo. Anzi, ha impedito a Pedrosa di superarlo, anche rischiando di farlo cadere, per portare a termine la combine, il biscottone, come lo ha definito Valentino.
Brutto GP quello del 2015. Nel quale sono prevalsi invidie, rancori, frustrazioni, da parte di quel ragazzino che un tempo idolatrava, come tutto il mondo, Valentino Rossi.
Ma il mondo continuerà ad ammirare il nostro campione, mentre Marquez si porterà per sempre addosso il segno di colui che ha tradito lo spirito del motociclismo. Un motociclismo, fatto di tecnica, coraggio, anima e soprattutto cuore.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

La realtà è che un euro vale mille lire

lire.euroLa realtà è che un euro vale mille lire

… e ci hanno fottuto dimezzandoci stipendi e pensioni. Prima dell’avvento dell’euro percepivamo stipendi e pensioni di, facendo cifre tonde, 2 milioni di lire, poi hanno fatto il gioco delle tre carte… guarda qui, guarda là.. e oplà i due milioni sono diventati 1.000 euro dicendoci che valevano quanto i due milioni di prima e quindi non era cambiato niente. Invece no! Un euro non è mai valso 2.000 lire. Tanto è vero che i beni di consumo e i beni immobili hanno mantenuto il valore che avevano prima. Solo che adesso le lire si chiamano euro.
Se per un auto media ti ci volevano 15 milioni, ora ti occorrono 15 mila euro. Se per un’abitazione ti ci volevano 150 milioni, ora ti occorrono 150 mila euro. E per acquistarti un auto ti bastavano sette stipendi e mezzo, ora te ne occorrono quindici, di stipendi. Stessa proporzione vale per la casa e per tutto il resto.
Contro questo ragionamento non c’è nessun Prodi, Monti, Letta, Renzi, o fior di economista che tenga.
Insomma ci hanno fottuto bellamente e la gente se ne sta a pecoroni.
Ci vuole così poco a capire: due più due fa sempre quattro, geni della politica.

P.S

Come chi legge IL CRONISTA MANNARO sa bene, dico questa cosa da anni, ma a quanto pare non sono l’unico che la vede così semplicemente, infatti cercando l’immagine da mettere in evidenza in questo post l’ho trovata in quest’altro blog (dal quale la prendo in prestito) che, evidentemente, la pensa più o meno come me. Certo potreste dirmi che ho scoperto l’America, certo! Ma allora perché ve ne state a pecoroni?

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

‪‎Marino‬ come ‪Cesare‬ : Tu quoque, ‪‎Renzie‬, fili mi

chaplin.marino

‪‎Marino‬ come ‪Cesare‬ : Tu quoque, ‪‎Renzie‬, fili mi!

Ignazio Marino, il finalmente ex, sindaco di Roma, l’imbucato per eccellenza:

– Imbucato dal nulla alle primarie del Pd (ma fa curriculum, di cui si vanta ancora).
– Imbucato in un’Università degli Usa, dal quale è andato via per una questione di scontrini.
– Imbucato (non richiesto) nel viaggio del Papa a Philadelphia.
– Imbucato a sorpresa a far “cucù” nella Papamobile quando si presentava l’occasione.
– Imbucato in cene luculliane con gente di fama (a loro insaputa, perché loro non c’erano).
– Imbucato fino all’ultimo giorno nelle sue sacrosante ferie ai Caraibi, mentre Roma bruciava.

e chissà di quanti altri imbucamenti sia stato protagonista, mai venuti alla luce, ieri, nell’ennesima conferenza stampa, quella della sua uscita definitiva dalla carica di sindaco s’è imbucato anche nella storia con questa frase: “Sono stato accoltellato da ventisei persone, ma da un unico mandante”, frecciatina…
Il che riporta volutamente alla memoria un’altra più celebre frase pronunciata da un certo Giulio Cesare: “Tu quoque, Brute, fili mi!”, che per l’occasione si può trasformare in: “Tu quoque, Renzie, fili mi!”.

Ebbene sarà anche stato, a modo suo, la persona più onesta di questo mondo, anche se essere onesti più dei protagonisti di mafia capitale non è certamente un merito, ma non ha avuto né il senso della misura, né quello del ridicolo, né quello della vergogna.

Ultima cosa da notare, in un foglietto si era annotato le cose da portarsi via con l’abbandono della carica, tra queste oltre allo scrittoio c’era un mappamondo, il che è un ulteriore imbucamento nella storia del cinema, come potete verificare nel’immagine in evidenza del film di Chaplin, il grande dittatore.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Anche su Bookrepublic Nato negli anni Cinquanta

L'ebook del libro nato negli anni cinquanta in vendita anche su bookrepublik

L’ebook del libro nato negli anni cinquanta in vendita anche su bookrepublik

Anche su Bookrepublic Nato negli anni Cinquanta

Anche Bookrepublic distribuisce l’ebook del romanzo di Gaetano Rizza “Nato negli anni Cinquanta”. Il prezzo del formato ebook è di €. 3,99 che, come si può ben capire, è solo un prezzo di lancio del nuovo formato digitale.
Il libro cartaceo (acquistabile in tutti gli store online) ha una popolarità che lo stesso autore percepisce come un successo personale. L’ebook inizia anch’esso a dare i suoi risultati per la possibilità che offre di poterlo acquistare a un prezzo puramente simbolico e risparmiando, naturalmente, le spese di spedizione, trovandoselo con estrema semplicità nel monitor del dispositivo che si utilizza abitualmente.

Non perdetevi la possibilità di leggere un buon libro. Per una volta scegliete di non leggere un più o meno famoso nome televisivo che vende anche libri trainati dalla popolarità televisiva. Leggete un libro per la scrittura che contine in sè. In questo caso una scrittura non pretenziosa, non sensazionalista e senza voli pindarici, ma elaboratamente semplice. Una scrittura che vuole smuovervi l’anima, così, semplicemente.

libri-narrativa.it

 

 

 

 

 

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Libri che potrebbero interessarti

CopertinaYoucanprint

Ti potrebbe interessare “Nato negli anni Cinquanta” di Gaetano Rizza. Un libro pubblicato in self-publishing dall’Autore e venduto in tutti i canali di vendita online. Un romanzo in cui si parla della vita di un uomo qualunque nato negli anni Cinquanta, attraverso i suoi ricordi, i suoi amori, le sue passioni. L’Autore ha come fine letterario la scrittura in sé, cercando di renderla semplice cosicché – nella, a volte forzata, semplicità – si possa smuovere l’anima del lettore. Voto: 9

 

 

 

 

Gaetano Rizza – Autore romanzo “Nato negli anni Cinquanta”.

scegli-carrello Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it 

Oppure direttamente qui di seguito:

 – CreateSpace (Formato cartaceo)

 – Amazon (Formato cartaceo)

 – Amazon  (Formato eBook)

 – Bookrepublic (Formato eBook)

e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Facebook – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni – Gaetano Rizza
Twitter – @gaetano_rizza

Libri che potrebbero interessarti

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Pubblicato il libro Nato negli anni Cinquanta

CopertinaYoucanprintPubblicato il libro Nato negli anni Cinquanta.

Un libro pubblicato in self-publishing dall’Autore e venduto in tutti i canali di vendita online. Un romanzo in cui si parla della vita di un uomo qualunque nato negli anni Cinquanta, attraverso i suoi ricordi, i suoi amori, le sue passioni. L’Autore ha come fine letterario la scrittura in sé, cercando di renderla semplice cosicché – nella, a volte forzata, semplicità – si possa smuovere l’anima del lettore.

scegli-carrello Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Amazon.it, CreateSpaceMondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Pubblicato il libro Nato negli anni Cinquanta

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Il romanzo di Gaetano Rizza si mantiene in alto

classifica feltrinelliIl romanzo di Gaetano Rizza si mantiene in alto

Classifica libri del 2015 laFeltrinelli, letteratura italiana, con spedizione oltre 10 gg, nella sua fascia di prezzo: Nato negli anni Cinquanta: 19° posto.

Il libro di Gaetano Rizza è un romanzo pubblicato in self-publishing, quindi, come è normale, non riceve le attenzioni che i media dedicano ai libri pubblicati dalle grandi case editrici. Ciononostante, attraverso il passaparola, il web, i social, la pubblicità intelligente di Google Adwords, riesce a mantenersi nei piani alti delle classifiche ufficiali. Addirittura nei primi periodi dopo l’uscita è riuscito ad ottenere anche i primi posti nella classifica dei libri più venduti da la Feltrinelli e dagli altri store online.
Il self-publishing naturalmente non può fare concorrenza ai grandi editori e investitori, ma la bontà del prodotto a volte può fare la differenza.
Diamo una mano al self-publishing rifiutando di acquistare un libro a scatola chiusa solo perché ben reclamizzato, e acquistando invece un libro magari non molto reclamizzato, ma scritto bene.

Nato negli anni Cinquanta

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

Nato negli anni Cinquanta tra i libri più venduti

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Amazon.itMondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Leggi prime 32 pagg libro Nato negli anni Cinquanta

Leggi prime 32 pagg libro Nato negli anni Cinquanta
(Cliccando sulla copertina, il libro si sfoglierà in modo semplice e veloce)
Tenendo presente che così potrai valutare solo la scrittura e non il romanzo perché questo è composto da 194 pagine e 5 capitoli.
Tieni presente, inoltre, che le prime pagine del libro che sembrano vuote in realtà fanno parte dell’inpaginazione del libro.

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, CreateSpace, Amazon.itLibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza
@gaetano_rizza
https://www.facebook.com/gaetano.rizza.01

 

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Nato negli anni Cinquanta in classifica

classifica30 06 2015Nato negli anni Cinquanta in classifica

Nato negli anni Cinquanta, il mio libro, dopo 4 mesi dall’uscita è ancora nei primi post della classifica dei più venduti di laFeltrinelli. Questa settimana al 18° posto dei libri di letteratura italiana del 2015 con spedizione oltre i 10gg. Certo non è un successo alla Faletti, ma per essere uno sconosciuto non mi lamento.

Gaetano Rizza (Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA)



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Un libro in cui si parla di De André e di Vecchioni

gaetanorizza-deandre.jpg

Gaetano Rizza con la chitarra Esteve di Fabrizio De André

Un libro in cui si parla di De André e di Vecchioni
Nato negli anni Cinquanta

In questo libro di Gaetano Rizza, si parla di vita vissuta, di amori, di lunghi viaggi in moto, di passioni, tra le quali la passione per la musica ed in particolare per due giganti della canzone d’autore in Italia: Fabrizio De André e Roberto Vecchioni…

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Al Bano e Romina

Nato negli anni Cinquanta

Nato negli anni Cinquanta

Al Bano e Romina

Mi direte: “Ma guarda un po’ questo, che prima ci ha rotto l’anima con i cantautori italiani e gli chansonniers francesi, a partire da Fabrizio De André per finire con Leo Ferrè, adesso si mette a parlare anche di Al Bano e Romina?”
Vi risponderò: “Avete ragione, in quanto i miei preferiti sono sempre gli stessi, De André, Vecchioni, Paolo Conte, Ivano Fossati e poi gli chansonniers. Ciò non toglie che ogni tanto non disdegno di ascoltare la vecchia musica di gente come Modugno, come Adamo – che peraltro, pur essendo di umili origini siciliane è tuttora un grande chansonnier francese, e altri cantanti della mia epoca come un certo Ivo Livi (in arte Yves Montand), Sergio Reggiani (in arte Serge Reggiani) e molti altri, compreso lo spettacolare, ormai, Massimo Ranieri che con i suoi spettacoli di canzoni anche napoletane sta surclassando per bravura tutti i suoi colleghi, italiani e no.
Che volete farci, mi piace la buona musica. Ma in tutto questo Al Bano e Romina cosa c’entrano? C’entrano poco, è vero. Ma Al Bano è stato quel ragazzo che fuggì dalla Puglia per diventare prima un cameriere nell’alta Italia e poi un cantante di successo iniziando, credo, con Nel sole, che insieme a La notte di Adamo, furono le canzoni che mi accompagnarono in un lungo viaggio in treno dalla Sicilia a Genova per ricongiungermi coi miei genitori e i miei nonni quando ero appena un ragazzino.
Detto questo, devo dire la verità, posso stare tranquillamente senza ascoltare il repertorio di Al Bano e Romina con canzoni tipo Felicità o Il ballo del qua qua, ma non posso non riconoscere che la coppia è stata un pezzo della musica italiana. Infatti non esistono solo i gusti fini, ma anche i gusti popolari che, anch’essi hanno il diritto di esistere.
Per questo ieri sera su Rai 1 mi sono visto il loro concerto dall’arena di Verona.
Chiedo venia a Vossia.

Gaetano Rizza (Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA)



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

NON PIÙ PADRONI NE’ SCHIAVI

Nato negli anni Cinquanta

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

NON PIÙ PADRONI NE’ SCHIAVI

Le società sono sempre state impostate sul predominio di gruppi di persone su altre.
Questo perchè alcuni si sono arrogati il diritto di decidere cosa è bene per l’uno e cosa è bene x l’altro.
Naturalmente, visto che l’essere umano ha in sè anche egoismo, chi ha potuto decidere per gli altri, va da sè che per se stesso si è tenuto privilegi e benefici di ogni tipo.
La mentalità con cui l’uomo è stata fatto crescere e progredire ha permesso tutto ciò in quanto siamo abituati a pensare che nella vita c’è anche chi può nascere per essere povero comunque, se non nasce in una certa area terrestre e in una certa area economica.
E nella stessa area terrestre ed economica in cui si possono avere molte probabilità di non morire di fame, si è comunque destinati, se non appartenenti alle “caste superiori”, a condurre una vita di lavoro e di sacrifici, quando non addirittura di privazioni e di stenti, lasciando per gli “amministratori” del nostro futuro ricchezze e vita sfarzosa, spesso non meritate, comunque senz’altro non meritate ai livelli che conosciamo.
Per questo la Rivoluzione degli Ultimi e dei Dimenticati deve avanzare verso l’obbiettivo di rendere tutti davvero uguali, e cioè che ognuno, indipendentemente dalla casta di appartenenza (che non avrà più motivo di esistere) dovrà avere le stesse opportunità di qualsiasi altro cittadino.
Poi ognuno andrà avanti con le proprie capacità che lo porteranno ad essere un dirigente, un amministratore o un Ultimo.
I dirigenti e gli amministratori non percepiranno mai emolumenti tali da far loro perdere di vista la realtà degli ultimi, e gli Ultimi avranno tutti uno stipendio minimo che gli garantirà una vita dignitosa.
Ipoteticamente, stando alle valute attuali, si potrebbe quantificare lo stipendio massimo per dirigenti e amministratori di €. 1.800 e uno stipendio minimo per gli Ultimi di €. 1.500.
In questo modo nessuno vivrebbe più sulle spalle degli altri e non ci sarebbero spese assurde per stipendi e pensioni da mille e una notte.
In questo modo, altresì, ognuno dovrebbe stare attento a come spendere ogni singolo euro, pur avendo assicurata una vita dignitosa, e i dirigenti/amministratori non succhierebbero sangue al popolo come parassiti. Cosa che attualmente avviene regolarmente.
Così tutti si ritornerebbe a fare una vita equa senza disparità che non possono più appartenere all’umanità nel 3° millennio dopo Cristo.
In questo modo non ci potrebbero più essere sprechi di nessun tipo nè favoritismi di alcun genere. Perchè chi prende il massimo dello stipendio (circa €. 300,00 in più degli Ultimi) avrebbe un impegno maggiore considerate le sue capacità. E in questo modo, ancora, sarebbe certo che chi si assume più responsabilità rispetto agli altri, lo farebbe anche e soprattutto per un vero interesse per la società, e non esclusivamente per se stesso.
BASTA CON I PRIVILEGI E I LATROCINI.
SULLA TERRA NON CI SONO PIù PADRONI E SCHIAVI!

Gaetano Rizza (Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA)



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Quando restituire maltolto si chiama Bonus

Nato negli anni Cinquanta

Nato negli anni Cinquanta

Quando restituire maltolto si chiama Bonus

Questa è l’epoca in cui può accadere tutto e il contrario di tutto.
I politici, lo sappiamo, a parte qualche singola mente illuminata del passato, si sono dati alla politica attratti dai guadagni che il ramo offre ai più furbi. Infatti cosa hanno fatto? Hanno unito la loro voglia di fare chiacchiere da bar facendo una briscola o uno scopone, a quella di poterlo fare essendo pagati profumatamente dai cittadini. Chiamali scemi.
Ma adesso siamo proprio al culmine di questo gioco, stiamo toccando davvero la punta massima del delirio: quando un presidente del consiglio che ha fatto a spallate e a gomitate tra quelli del suo stampo per diventare tale, sapendo comunque che la classe politica pappona e mangiona aveva portato i cittadini sul lastrico, s’è presentato dicendo il classico “Ghe pensi mi”. Tanto, pensa lui, ai cittadini si può fare di tutto e quelli mi votano pure, basta dire due stronzate, e se il giorno dopo mi tocca dire stronzate opposte a quelle del giorno prima, mi prendo pure i voti della parte politica opposta.
Ma dicevo: quando restituire il maltolto si chiama Bonus. Roba che neppure il mago Silvan…
Il governo Monti – Fornero e coalizzati tutti, dal Pd al Pdl hanno votato le leggi ammazza pensionati facendo diventare questi in buona parte esodati e comunque portando i cittadini italiani – per il 15% del numero totale – a vivere sotto la soglia di povertà. La consulta, come sappiamo, ha bocciato, a cose fatte, una delle loro leggi meschine, quella sulla mancata indicizzazione degli stipendi oltre i 1.400€. Ciò vuol dire che quella cosa lì, sporca, non si poteva fare e quindi si deve restituire il maltolto. Ok, cosa escogita il Macchiavelli de noantri? Colui che alle prime critiche del suo operato da parte dei giornali stranieri ebbe il coraggio, da perfetto buffone, di presentarsi a palazzo Chigi con un carretto dei gelati? Ebbene escogita di fare passare un debito di 18 miliardi nei confronti dei lavoratori per un Bonus nei confronti dei lavoratori. Ma come si può ben capire un Bonus è un Bonus e ci si deve accontentare della bontà di colui che te lo concede. Quindi il debito di 18 miliardi si trasforma in un Bonus di 2 miliardi perché di più non si può, fatto comunque, con la sua estrema generosità (vedi gli 80€ a chi già lavora e prevedibilmente vota Pd, cosa poi confermata dal successo elettorale di quel partito) a ridosso delle elezioni regionali.
Ma finché ce lo diciamo tra noi, io scrivo qualche post, quell’altro pure, i 5 stelle si lamentano, quelli che hanno votato a suo tempo leggi vergognose, compresa questa bocciata dalla consulta in un sussulto, si lamentano pure, cosa succede? Niente. E quelli continuano belli belli ad arricchirsi. Senza, peraltro, nemmeno prendersi un calcio in culo.

Gaetano Rizza



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Qualche ricordo con la mitica Esteve di De André

gaetanorizza-deandre.jpg

Qualche ricordo con la mitica Esteve di De André

Anni fa feci una battaglia sindacale contro decisioni dell’Azienda per cui lavoravo, che – inevitabilmente, poi – hanno portato allo sfacelo dell’Azienda stessa che negli anni è stata rilevata da un gruppo più grande che se l’è pappata, con relativa perdita di posti di lavoro. In questa battaglia fui supportato dalla presenza della chitarra di Fabrizio De André: la mitica ESTEVE, che mi fu gentilmente concessa da Gianni Tassio e dal consorzio dei commercianti di via del Campo che la tenevano in custodia come uno dei più preziosi cimeli.

Qualche mese dopo l’ebbi ancora quella favolosa chitarra per un concerto-tributo a Fabrizio De André, che ideai, organizzai e interpretai.

Nel mio libro  racconto, tra le tante cose, anche la serata di quel concerto.

Gaetano Rizza (Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA)



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

L’INTERESSE PER LA FRANCIA E LA SUA MUSICA

L’INTERESSE PER LA FRANCIA E LA SUA MUSICA

Dal sito di Gaetano Rizza su De André e la musica francese

Yves Montand

… Dai primi anni 60, cioè da quando ero un ragazzino, sono affascinato dalla Francia e dalla sua musica. Sono andato la prima volta a Montecarlo, Nizza e Cannes con una gita organizzata non ricordo più da chi. Eravamo tutti gli amici della compagnia con qualche genitore a seguito, con un pullman, e se non ricordo male… qualcuno ad un certo punto del viaggio ci propose qualche pentola o elettrodomestico da comprare… non mi risulta che qualcuno di noi acquistò qualcosa… L’eccitazione tra noi ragazzi era forte e visitammo quelle località divertendoci molto. Di quella giornata di tanti anni fa conservo un bellissimo ricordo… con qualcuno della compagnia ci frequentiamo ancora, anche se naturalmente non con la frequenza quotidiana di allora. Sono tornato molte volte in quei posti e la maggior parte delle mie vacanze le trascorro in quel Paese… Ho ancora però negli occhi e nella testa l’orchestrina che suonava davanti ad un ristorante nella piazza del Casino di Montecarlo. Già mi piaceva quella musica che ogni tanto ascoltavo alla radio, e ascoltarla in Francia mi affascinò. Tutt’oggi quando torno in quei posti mi soffermo ad ascoltare la musica delle orchestrine davanti ai ristoranti. A volte, non molto spesso, devo dire che mi soffermo anche dentro ai ristoranti per gustare oltre alla musica anche qualche buon piatto della cucina locale… La musica si sà è il nutrimento dell’anima, ma al corpo che gli diamo da mangià…? E poi con un buon cibo sulla tavola… come dire… la musica è più bella? (dal mio sito su De André)

Gaetano Rizza (Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA)



Leggi il libro di Gaetano Rizza: NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Classifica libri più venduti sempre aggiornata

Classifica libri più venduti sempre aggiornata

In questa pagina trovate le classifiche sempre aggiornate di tutte le categorie di libri delle più grandi librerie online

top-lafeltrinellitop-mondadoritop-ibstop-hoepliitop-libreriauniversitariai

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui:

scegli-carrello

laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Ecco perché la Clinton si era sucata la Lewinsky

Ecco perché la Clinton si era sucata la Lewinsky

Finalmente è venuta fuori la vera Hillary Clinton (anche se ci aveva già provato a candidarsi con poca fortuna). Infatti aveva sorpreso tutto il mondo quando era rimasta al fianco del tuttora suo marito l’ex presidente degli Usa, Mr Clinton, dopo che era scoppiato lo scandalo su di lui e la stagista Monica Lewinsky. Era rimasta buona buona al suo posto di moglie senza fare tragedie sul fatto che la Monica, diciamo così, si era sucata (il doppio senso non è voluto…) il presidente, trovando più comodo lavorare sotto la scrivania del birichino, piuttosto che – come fanno le altre stagiste – con i gomiti appoggiati sulla scrivania intenta a lavorare tra taccuini e cancelleria.
La reazione della Hillary, paragonata a quella di qualsiasi altra moglie, ai più smaliziati delle cose della politica era parsa subito come una manovra intelligente, perché:

1° – Essere moglie (anche se cornuta) del presidente degli usa è pur sempre meglio che essere una ex moglie.
2° – Lasciando il marito e diventando una ex si sarebbe preclusa inesorabilmente la sua personale scalata alla Casa Bianca, che era evidente fin da allora.

Queste cose, che nulla hanno a che fare con la dignità umana e con la morale, sono erroneamente considerate dal popolino, al contrario, perfettamente lecite se messe in atto da politici e regnanti.
Il popolino a loro perdona tutto, e poi li vota pure.

Insomma, suca tu che suco io e si va avanti.

Gaetano Rizza
—————————————–

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Mi è piaciuto

Se vuoi lasciare una recensione, anche breve, scrivi qui specificando se intendi firmarla solo con le tue iniziali o con il nome intero. Grazie.

Una bella autobiografia che non è da tutti. Ora vediamo cosa riesci a incasinare nella seconda parte della tua vita.

F.A.

scegli-carrello Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Amazon.it, CreateSpaceMondadori StoreIbs.itHOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Carissimo ho terminato il tuo libro

Se vuoi lasciare una recensione, anche breve, scrivi qui specificando se intendi firmarla solo con le tue iniziali o con il nome intero. Grazie.

Carissimo ho terminato il tuo libro, vorrei darti la mia opinione: innanzitutto mi ha fatto piacere scoprire le tue origini sicule che come detto ci accomunano. Mi è piaciuta la storia, il libro è scritto bene e la lettura è scorrevole, è stato molto piacevole, infatti l’ho terminato in qualche giorno. Ho delle difficoltà a capire dove termina la tua vita e dove inizia la parte romanzata… Dimmi un po’: hai incontrato davvero Vecchioni? Se così fosse si tratta davvero di una bella esperienza! Mi è piaciuto il sottofondo musicale che accompagna tutto il testo, lo capisco e anch’io sono stato accompagnato dalla musica durante la mia vita e apprezzo de andrè. Il concerto-tributo è realmente accaduto? se è vero: come ti sei procurato la chitarra? A seguito dell’incontro con Dori Ghezzi? Il ricordo della canzone via del campo mi ha aperto tutto un mondo, quando anch’io nel ’72 ho vissuto tra quei vicoli… Le beghe familiari del secondo capitolo, ovvero il tuo incubo…sono stati la mia realtà sai? Ho meglio compreso le motivazioni dietro i tuoi viaggi, il volersi spingere oltre i propri limiti, una sfida contro se stessi, sono contento tu abbia sconfitto i tuoi demoni e vinto le tue battaglie. In attesa di un confronto ti auguro una buona serata.

V.P.

scegli-carrello Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli, LibreriaUniversitaria, Amazon.it, CreateSpaceMondadori StoreIbs.itHOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Nato negli anni Cinquanta di Gaetano Rizza

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle